martedì 26 settembre 2006

Il mercato del lusso e le strategie di vendita

Quello che segue nasce come commento al mio post precedente, ma l'analisi svolta dall'amico Nemo 64738 merita sicuramente un'evidenza maggiore. Pertanto ospito qui di seguito il suo intervento:
"Caro Torchio questo e' proprio pane per i miei denti e se permetti aggiungo qualche piccola considerazione, dovuta alla mia esperienza di 2 anni come account manager di venditori di un certo successo proprio su ebay. Dunque. Ultimamente mi sono lasciato travolgere dal fascino del lusso (louis vuitton ed hermes su tutti) e come tanti ho dato un'occhiata a cio' che ebay offre. Ora, non so quanti di voi conoscono la strategia commerciale di LV. E' praticamente impossibile trovare nelle boutique normali qualche suo prodotto. Ho girato tutte le gioiellerie che conosco per vedere dal vivo un braccialetto che mi sarebbe piaciuto comprare ma NESSUNO era in grado di accontentarmi. Praticamente per comprare la famosa bag LV oppure il mio braccialetto e' ASSOLUTAMENTE necessario recarsi a: capri/roma/firenze/portocervo/milano ecc. ecc. presso le sue boutique monomarca. i prezzi? 3500 per il braccialetto e circa 500 dollari per un paio di sneakers. Tralascio il costo delle borse perche' non sono molto ferrato. Fate un giro su ebay. le mie sneaker si trovano a 10 euro. le borse a partire da 1 euro. Siamo seri. veramente pensiamo che tutte queste cose siano originali? guardatevi in giro per strada. veramente credete che tutte quelle bambine con le sneaker gucci oppure il portafoglio louis vuitton (per tacer delle cinte gucci super-ultra-mega copiate) abbiamo mediamente 400 euro per comprare tutto cio'? siamo seri! TUTTI sappiamo che le offerte ad un euro che troviamo su ebay sono dei falsi. e per tali vengono presi. E' un gioco delle parti. io spendo 10 euro e compro delle scarpe che SEMBRANO gucci. Proprio come nella vita normale. nessuno pretende che siano vere, altrimenti avremmo a che fare con un venditore decisamente...pirla che chiuderebbe i battenti in circa 20 secondi. Nessuno lo pretende, tantomeno ebay. seguite il mio ragionamento: ebay mette a disposizione una piattaforma e-commerce completa di tutto. anche di circa 25 milioni di potenziali acquirenti (piu' o meno). E mette anche delle regole da seguire. Come potrebbe verificare che la maglia di prada che voglio vendere sia essere veramente falsa? in fondo potrei essere un pazzo che l'ha comprata a prezzo pieno e che poi si e' stufato e la vende al meglio. e che dire delle nike shox che da susi sport (per chi non e' di latina precisero' che e' un megastore di abbigliamento) si trovano a 180 euro e che su ebay si comprano a 80 euro. A patto di attendere che arrivino dalla cina. gia', proprio da quella cina dove vengono prodotte al prezzo di un euro l'una ma "legittimamente" per conto della Nike. In due anni non sono mai stato capace di capire chi diavolo riesce a metterle in vendita da la giu'. (preciso che malgrado un iniziale interesse per quelle scarpe, la questione etica ha avuto il sopravvento) In definitiva, non credo che ebay possa arginare questo fenomeno, almeno preventivamente. A meno di non assumere un esercito di controllori. Forse qualcosa potrebbe essere fatto nel post vendita. ma non saprei cosa perche' in fondo si tratta pur sempre (per la maggior parte) di vendite di privati a privati. Inoltre chi puo' farlo le compra originali. mentre tutti gli altri che mai e poi mai si potrebbero permettere una borsa di Louis vuitton a 600 euro, ma sui quali l'appeal del brand e' irresistibile, continuano a comprarle false. ebay o non ebay. E portano in giro le loro borse tarocche ma firmate. Non e' forse anche questa pubblicita'....?
citazione di una mia amica partenopea: dietro ebay c
e sta' nu grande napulitano che vende."

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page