lunedì 11 settembre 2006

Dove fare affari nel 2007

La Banca Mondiale e la Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo hanno pubblicato il rapporto "Doing business 2007", l'annuale analisi dell'attitudine imprenditoriale di 175 paesi. Tale analisi è stata condotta attraverso la valutazione di elementi quali la facilità di dar vita a un'impresa, l'efficacia e la flessibilità del diritto del lavoro, l'accesso al credito, la protezione dell'investimento, il carico fiscale, la possibilità di far valere i propri diritti.
Numerosi gli spunti di interesse. Molti paesi, che superficialmente potremmo considerare indietro economicamente, fanno passi da gigante: per esempio, le repubbliche baltiche, la Romania, la Georgia, il Messico. Anche il continente africano, uno dei posti più difficili e nel quale "fare impresa" è davvero un'impresa, si muove. Tanzania e Ghana sono nella lista dei primi 10 paesi per le riforme attuate. Un esempio: la Costa d'Avorio ha ridotto da 397 a 92 giorni il tempo necessario per la registrazione delle proprietà immobiliari.
In cima alla classifica dei paesi che garantiscono la maggiore flessibilità e facilità per costituire e far funzionare imprese troviamo Singapore, seguito da Nuova Zelanda e USA.
L'Italia? E' all'82esimo posto, in discesa dal 69esimo del 2006. Speriamo bene.

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page