domenica 6 maggio 2007

Storie di ordinaria petrolizzazione


Il governo giapponese ha chiuso un affare da un miliardo di dollari per partite di petrolio da Abu Dhabi. Le caratteristiche dell'accordo sono particolarmente innovative: il petrolio arabo è stoccato e immagazzinato in Giappone e quest'ultimo ne potrà usufruire in via preferenziale in caso di emergenze. In cambio, il Giappone finanzierà l'Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC) a tassi estremamente vantaggiosi per la realizzazione di infrastrutture. L'accordo è annunciato a margine di un viaggio del primo ministro giapponese Shinzo Abe, che si è portato dietro la bellezza di 180 uomini d'affari.
Allo stesso tempo, l'Arabia Saudita non vuole perdere l'opportunità di vendere montagne di petrolio all'intero coacervo di draghi, dragoni ed elefanti asiatici. In realtà, problemi non ce ne sono: si tratta soltanto di assicurare tutti sulla disponibilità del prodotto. E' quello che ha fatto il ministro del Petrolio saudita nell'ambito di una tavola rotonda asiatica sull'energia che si è tenuta a Riyadh. In quest'ottica, l'India, assetata quanto la Cina di prezioso combustibile, dovrebbe dormire sonni tranquilli, anche se notizie che riporto in altri post lascerebbero credere il contrario.
[la vignetta viene dal sito http://www.mrdowling.com]

Etichette: , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page